Crypto lungo e breve: cosa ha cambiato la mia mente sulle narrazioni Bitcoin

Una delle cose che mi piace di più del lavoro nel settore della crittografia (a parte i miei fantastici colleghi e il flusso costante di affascinanti cambiamenti) è il livello del dibattito.

Non sono sarcastico – ci sono molte prese con cui sono in forte disaccordo, ma quando sono proposte da persone con una mente razionale e curiosa (il che può essere il più delle volte, a seconda dei filtri di Twitter), l’impegno finisce invariabilmente per arricchire la mia opinione. E, a volte, far rimbalzare la convinzione di qualcun altro sulla tua apre gli occhi a sfumature che non avevi visto. Chi lo sa? Intrattenere punti contrastanti potrebbe in realtà far cambiare idea.

Ora, quando si prendono due opinioni intelligenti con cui non si è d’accordo, le si mette insieme alle proprie e le si agita un po‘, la magia può fare la sua scomoda cosa. Questo mi è successo questa settimana.

State leggendo Crypto Long & Short, una newsletter che guarda da vicino le forze che guidano i mercati delle valute criptate. Scritta da Noelle Acheson, responsabile della ricerca di CoinDesk, esce ogni domenica e offre un riassunto della settimana – con approfondimenti e analisi – dal punto di vista di un investitore professionale. Potete iscrivervi qui.

Molti di voi avranno già visto l’elenco delle sei ragioni per cui il Bitcoin System non ha avuto un grande anno per il commentatore di Bloomberg Joe Weisenthal. Ricapitolando, sono stati la mancanza di nuovi massimi, la sua nuova correlazione con l’S&P 500, la deludente resilienza delle valute fiat e i livelli di inflazione, e un nuovo concorrente per il commercio di volatilità sotto forma di azioni.

Naturalmente, ci sono state molte reazioni. Una delle migliori risposte che ho visto è stata quella di Nathaniel Whittemore, che ha sottolineato i progressi compiuti nell’assorbimento istituzionale, la crescita della domanda dei mercati emergenti e la resistenza di Bitcoin. Un’altra è stata quella di Ryan Selkis di Messari, che si è opposto all’interpretazione di Joe delle narrazioni e dei tempi del bitcoin. Mi dilungo su alcune delle mie obiezioni più in basso.

Un’angolazione diversa

L’altra analisi con cui non ero d’accordo questa settimana è stata quella di JP Morgan, anche se la loro opinione è stata quasi l’opposto di quella di Joe.

Un rapporto condiviso con i clienti della banca d’investimento e visto da CoinDesk ha affermato coraggiosamente che il bitcoin ha avuto finora un buon anno, evidenziando che, anche attraverso le turbolenze del mercato a marzo, la crittovaluta è scesa solo brevemente al di sotto del suo costo di produzione. Sottolinea inoltre che la liquidità nei mercati del bitcoin è stata più resistente rispetto ad altri mercati più tradizionali. L’analisi conclude che questo indica una vita lunga e felice per il bitcoin, ma più come veicolo di speculazione che come riserva di valore.

Quindi, qui abbiamo Joe che suggerisce che il bitcoin ha avuto un primo semestre deludente perché non ha avuto mosse di prezzo spettacolari rispetto ad altri gruppi di asset, e JP Morgan deduce che ha avuto un primo semestre inaspettatamente buono per lo stesso motivo.

A mio parere, entrambi non sono d’accordo. Ma il mio disaccordo con loro mi ha fatto cambiare idea su una cosa.

Fattori comuni

Sia JP Morgan che Joe sembrano dare per scontato che ci sia una narrazione chiara intorno al valore di Bitcoin.

JP Morgan equipara il valore intrinseco del bitcoin ai suoi costi di estrazione, anche se questo è difficile da calcolare in modo affidabile e riflette solo una piccola parte dell’ecosistema. Inoltre, i costi minerari potrebbero scendere in linea con i prezzi dell’energia più bassi, il che non significa che il valore intrinseco del bitcoin scenderà, se ci si basa sulla definizione di „quanto vale un bene“ del termine. Gli analisti deducono inoltre che l’attuale correlazione del bitcoin con l’S&P 500 rappresenta la ripartizione del suo potenziale di riserva di valore, che trascura la natura dei calcoli retrospettivi a breve termine.

Joe capisce che il valore fondamentale del bitcoin è difficile da quantificare, e si concentra sul prezzo come metrica principale che sia modellato e modellato dalle narrazioni. Egli parte dal presupposto che abbiamo aspettato che i fattori scatenanti specifici facessero salire il prezzo, che non si siano materializzati e che quindi le nostre narrazioni siano sbagliate e che il bitcoin non stia andando bene.

Sia Joe che JP Morgan sembrano credere che la narrazione prevalente per il bitcoin oggi sia quella del patrimonio speculativo. Questo è un punto di vista valido, ma non lo condivido – per me il bitcoin è un gioco tecnologico che cambierà il significato dei mercati.

Non mi convince nemmeno l’attenzione di Joe per il prezzo, e la sua supposizione che il mercato nel suo complesso si aspetta movimenti bruschi basati su certi catalizzatori.

E non sono convinto dalla conclusione di JP Morgan che la recente azione sui prezzi indichi che il bitcoin continui ad essere utilizzato come attività speculativa – questa settimana CoinDesk ha riferito che più del 60% del bitcoin contenuto nei portafogli non si è mosso per oltre un anno.

Pensare al motivo per cui non ero d’accordo, tuttavia, mi ha fatto capire una cosa che ho trascurato. Ho sempre considerato la mancanza di una narrazione chiara del bitcoin come un punto di forza. Mi sbagliavo: è sia una forza che una debolezza.